AI MIEI RAGAZZI - 6° COMPLEANNO RUNNERS LANCIANO

Ai miei ragazzi!!!
E’ passato un altro anno. Oggi spegniamo la sesta candelina. E’ stato un anno che la storia ricorderà come quello in cui sono stati posticipati i campionati europei di calcio e le Olimpiadi di Tokio. Abbiamo sofferto, durante la prima ondata del confinamento, la sospensione di tutti i campionati e di ogni genere di sport, nonché il rinvio di eventi di interesse mondiale come giro d’Italia, tour de France, ecce cc.
Ho voluto descrivere quest’anno particolare facendo un salto nella storia cercando sempre quell’associazione tra sport e vita attenendomi semplicemente ai fatti. Durante la lettura non lasciatevi ingannare da alcuni passaggi che potrebbero indurre a diversa interpretazione. Vi assicuro che se l’OMS ci consiglia di fare attività sportiva e, in un certo senso, ci è stato vietato, è perché ho voluto evidenziare che “la guerra contro il nemico invisibile” ha vinto quella battaglia inducendo la scienza a fare determinate scelte, ma noi non ci arrendiamo e come in un incontro di pugilato, siamo andati K.O., ci siamo rialzati e continuato il combattimento con verdetto finale a nostro favore perché Runners Lanciano risulta sempre vincente.
Ringrazio Oscar per avermi aiutato a strutturare il mio pensiero (discorso del video); Non smetterò mai di ringraziare Mario Bomba che con grande passione ( SUO IL CANALE YOUTUBE " PASSIONE CORSA MARIO BOMBA")e competenza, ci mostra la sua vicinanza con l’impegno, l'amicizia e tanto tempo speso a titolo gratuito. Questi doni non hanno prezzo;
Grazie di cuore agli sponsor ( IN PRIMIS JEPSON e ALESSIO DI CIANO) che ci permettono di figurare con abbigliamento sportivo di quantità e qualità;
Grazie a ogni singolo atleta per aver scelto Runners Lanciano 👏🏽👏🏽👏🏽
Buona visione e AUGURI a Voi tutti🎂🍾🥂

 

Sesta tappa, sesto anno!!!!!! (29 novembre 2019 – 28 novembre 2020) 

 

La realtà è sostanzialmente sconnessa e la prevedibilità dei fatti un'illusoria consolazione.

A volte, infatti, accade che nella vita tutto scorra; altre, invece, succedono imprevisti.

Chiamiamoli incidenti di percorso …

 

La sesta tappa era partita con l’entusiasmo di sempre.

Tanti progetti di corsa”all’insegna dell’amicizia e del rispetto reciproco; con quel TERZO TEMPOormai diventato rito usuale e indispensabile.

Un nemico invisibile; lo scoppio della “pandemia di coronavirus”,però, è riuscito ad avere il sopravvento su tutto. Il mondo sportivo si è fermato. L’infortunio, questa volta, non ha riguardato un solo atleta o una società, ma il mondo intero.

Non era mai successo!

La pratica agonistica; la celebrazione del rito sportivodiffuso sin da epoche remote in molti paesi dell’oriente e nella quasi totalità delle civiltà fiorite nel bacino del mediterraneo era anche e, soprattutto, sinonimo e mezzo di tregue tra popoli ostili.

La pratica agonistica; la celebrazione del rito sportivodiffuso sin da epoche remote in molti paesi dell’oriente e nella quasi totalità delle civiltà fiorite nel bacino del mediterraneo era anche e, soprattutto, sinonimo e mezzo di tregue tra popoli ostili.

Nell’antica Grecia, ad esempio, era vigente per chiunque partecipasse alle grandi feste e ai giochi nazionali, lacosiddetta“tregua olimpica”.

Le inimicizie pubbliche e private; la bellicosità latente veniva sublimata nella competizione sportiva così da cancellare, almeno temporaneamente, tutte le situazioni di conflitto.

Tante altre sono le testimonianze in tal senso riscontrabili nelle pieghe della storia. Una di quelle, temporalmente più vicina a noi, è “La tregua di Natale”.

Durante la prima guerra mondiale venne stabilita una tregua per disputare una partita di calcio tra Tedeschi ed Inglesi. Nei settori del fronte interessati dalla tregua l'artiglieria rimase ferma e non si verificarono combattimenti.

            Le guerre, dunque, non solo non hanno impedito la pratica sportiva nel corso dei millenni, ma come abbiamo visto, spesso lo sport è stato motivo di pacificazione.

Nel 2020, invece,il nemico invisibile sembra aver vinto.

La luce che pensava di andare più veloce di tutto si è sbagliata. Il buio, questa volta, sembra sia arrivato prima di lei, e l'aspetta.

            Il paradosso,  di questo subdolo virus, è il conflitto creato tra le restrizioni imposte durante il LOCKDOWNe le indicazioni dell’organizzazione Mondiale della Sanità checonsiglia di dedicare all’attività fisica almeno 20 minuti al giorno.Le linee guida internazionali individuano infatti in 150-300 minuti a settimana la quantità di attività fisiche ottimale per mantenere uno stile di vita sano e corretto. Ci aiuta anche a:

  • Aumentare le difese immunitariedell’organismo e di conseguenza a diminuire le probabilità di contrarre virus e malattie;
  • Ridurre lo stress e l’ansia, che in un periodo come quello che stiamo vivendo sono sicuramente aumentati;
  • Migliorare la qualità del sonnoe di conseguenza il nostro benessere psico-fisico

Il mio non è, nonostante tutto, una speranza o un augurio per il futuro ma una assoluta certezza per tutti noi Runners Lanciano…

 

perché il Runner Lanciano ha la particolarità di essere resiliente; il nostro logo, “l’uomo vento” è sinonimo di uomo libero, tenacia e dinamismo”.

Di fronte alle avversità della vita, grazie allo spirito di gruppo che ci contraddistingue, supereremo tutti insieme anche questo incalcolabile e imprevisto impedimento.

 Durante il percorso, il lavoro di squadra, ci ha aiutato a superare mille ostacoli e come già accaduto durante le tappe precedenti la grinta, il temperamento, il coraggio di non mollare, ma anche l’incoraggiamento, la vicinanza dei compagni ed il pensiero rivolto al fatidico traguardo ha spinto gli atleti che avevano rallentato la propria corsa verso una ripresa per la soddisfazione di arrivare, senza pensare mai al ritiro dalla competizione.

 Runners Lanciano non si ferma.  Forza ragazzi, il traguardo ci aspetta e tutti insieme lo raggiungeremo, Forza Runners Lanciano, Viva la vita!!!

*****************************

“Le difficoltà non stanno lì per fermarti, ma per farti capire quanto vuoi davvero portare avanti la tua missione. Le difficoltà servono a fare selezione, ti rendono degno dell’obiettivo che vuoi raggiungere. Le difficoltà sono lì per fermare gli altri.”
(Salvatore Brizzi)

*****************************

         Per la festa sociale, purtroppo quest’anno non possiamo organizzare l’evento in anticipo per le restrizioni imposte dai vari decreti ma ci impegneremo, appena possibile, a celebrare il nostro sesto compleanno e sarà la più grande delle ricorrenze.

      Auguri

Runners lanciano